ASSO VELA
 
RSS Feed
 
21/05/2020 VECCHIE VELE: LA CROCIERA DEI CENTO GIORNI

VECCHIE VELE: LA CROCIERA DEI CENTO GIORNI

La pesca dell'acciuga all'Isola di Gorgona, ha rappresentato una parte importante, anche se di minor rilievo, della grande avventura di Camogli sul mare, e si affiancata per quasi due secoli alla storia dei velieri che hanno solcato i mari e gli oceani di tutto il mondo, con successo sempre crescente, sino all'avvento della navigazione a vapore che ha segnato il rapido declino della storia marinara della Citt.
La "Crociera dei cento giorni", come veniva chiamata la campagna di pesca alla Gorgona, per la sua durata di circa tre mesi, dalla seconda domenica di maggio, festa di San Fortunato, sino a met agosto, il giorno dell'Assunta, si svolse storicamente tra il 1810 e il 1918, ma da un documento conservato nell'archivio dell'Arciconfraternita dei SS. Prospero e Caterina si pu rilevare come questa pesca venisse praticata sin dalla prima met del XVIII secolo. Infatti nel libro cassa dell'Arciconfraternita si evidenzia che gi nel 1742 i pescatori, di ritorno dalla campagna di pesca alla Gorgona, fecero una cospicua donazione in pesce salato, oltre alla decima dovuta all'Istituzione religiosa.
La rete usata per la pesca dell'acciuga alla Gorgona era la "manata"; una rete di cotone di circa ottanta metri di lunghezza con un'altezza tra i dieci e i quindici metri, armata di sugheri di galleggiamento e di piombi al fondo. Venivano usate anche reti con un'altezza minore, tra gli otto ed i dieci metri, dette "manate da fondo" per pescare nei bassi fondali. Le maglie erano piuttosto grandi, per evitare la cattura di novellame o acciughe troppo piccole, non adatte ad essere salate; ci permetteva anche di mantenere alta la pescosit del mare.
Di solito venivano fatte due calate giornaliere, una al mattino ed una alla sera; praticamente un turno continuo. Naturalmente c'erano giorni in cui ci si doveva fermare per il mare agitato, ma ci non era considerato un fatto negativo, perch si era notato che dopo una mareggiata il mare diventava pi pescoso.
La salatura delle acciughe doveva essere fatta subito dopo la pesca, sia perch si era in estate, sia perch le acciughe dovevano essere salate quando avevano ancora un po' di sangue. La salatura avveniva in barili di legno che erano stati caricati prima della partenza da Camogli, come pure il sale marino, che veniva poi grossolanamente raffinato, prima di essere utilizzato, con un marchingegno chiamato macinello (di cui conserviamo un esemplare in Museo).
Per salare le acciughe bisognava disporle nel barile a strati incrociati, divisi l'uno dall'altro da uno strato di sale. Quando il barile era pieno, sopra l'ultimo strato di sale veniva posto un coperchio di legno o di ardesia (chiamato in genovese "tempegno"), di diametro leggermente inferiore alla bocca del barile, sul quale venivano posti grossi pesi che consistevano generalmente in massi raccolti nelle calette dell'Isola. Tenuto conto che il peso delle acciughe e del sale contenuto nel barile variava dai venti ai trenta chili, il peso sul coperchio doveva essere circa il doppio.
Per lo smercio delle acciughe salate si faceva scalo a Livorno, da dove venivano esportate in tutta Europa, ma soprattutto nel Regno Unito. Gli Inglesi erano infatti i maggiori consumatori del pescato della Gorgona. Livorno era sede di un Console Inglese, con funzioni di addetto commerciale, per cui il commercio delle acciughe verso questo Paese era molto facilitato. Il pescato che eccedeva la richiesta del mercato inglese veniva venduto in loco, al mercato libero, molto vivace. Inoltre i pescatori camogliesi approfittavano della sosta a Livorno per fare provvista di sale, proveniente dalle saline di Volterra.
(Effemeridi del Museo Marinaro Gio Bono Ferrari - Camogli)

acciughe sotto sale


Altre News
21/05/2020 LA GIORNATA INTERNAZIONALE DEI MUSEI
21/05/2020 WEBINAR YCRMP: METEO, GENNAKER E CODE ZERO
21/05/2020 VECCHIE VELE: LA CROCIERA DEI CENTO GIORNI
21/05/2020 VECCHIE VELE: NAVE SAVOIA
21/05/2020 FASE 2: AGGIORNATO IL PROTOCOLLO DI SICUREZZA FIV
 
  Copyright © 2005/2020 ASSO VELA | E-mail: info@assovela.it